Motivatore sportivo, Mental Trainer

Avete presente, in particolare nelle squadre statunitensi, quella figura accanto all’atleta che parla, parla, parla e talvolta gli urla nell’orecchio prima di una gara?

Bene, a meno che non sia lo stesso allenatore, si tratta di un motivatore. Il motivatore, anche egli non psicologo, si occupa sempre di seguire gli atleti che non abbiano disturbi psicologici ma come suggerisce il nome, questa figura professionale si prefigge di stimolare la motivazione dell’atleta, cercando di dargli il giusto spirito, il giusto slancio per dare il meglio inogni allenamento.


il mental coach, accompagna l’atleta in un percorso di studio interiore delle proprie potenzialità, e lo aiuta tramite esercizi, tecniche e giochi a imparare a gestire le sue emozioni.

L’atleta è unico, e non tutti i casi hanno bisogno solo di motivazione o spinta, bisogna considerare la persona in tutti i suoi aspetti, conoscerla, e strutturare un percorso personale, che corrisponda esattamente alle sue caratteristiche, permettendogli successivamente di continuare a utilizzare le proprie risorse in autonomia.

E’ noto inoltre che lo stimolo del motivatore, con alcuni atleti abbia inizialmente particolare efficacia, ma poi con il passare del tempo si indebolisca. Gli aspetti da considerare quando si conduce l’atleta in un percorso di ottimizzazione della prestazione sportiva sono tantissimi, e la motivazione è una di queste, ma da sola non basta, per fare un esempio di questi fattori possiamo citare: la concentrazione, la gestione dell’energia, l’autoefficacia, le sensazioni fisiche, i ritmi fisiologici, il rapporto con l’allenatore, l’interazione con l’ambiente ecc…

Image

Ciascuna persona ha bisogno di essere motivata e gratificata, anche chi apparentemente dimostra un atteggiamento sicuro ed un ego particolarmente evidente.

Il personal trainer dovrà essere un abile motivatore, in grado di far comprendere al cliente l’importanza di credere fermamente nelle proprie capacità, nella possibilità di raggiungere un obiettivo, che si tratti dell’ultima ripetizione di un esercizio, dell’ultimo giro di pista o dell’ultimo kg da “buttar giù” per raggiungere la perfetta forma fisica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...