Dieta metabolica

IMG_0388Dieta rivolta a chi ha difficoltà a dimagrire con le diete tradizionali e ha bisogno di velocizzare il proprio metabolismo.

Dimagrire può essere difficile a causa del metabolismo, l’insieme dei processi di trasformazione dei nutrienti in energia. In alcune persone quest’attività è più lenta del normale: gli zuccheri e i grassi vengono elaborati e smaltiti con un processo rallentato. Ma ci sono alcuni cibi che, opportunamente inseriti in una dieta ipocalorica, possono interferire positivamente con questo meccanismo. Sono alcuni alimenti proteici come carne, pesce, uova, alcuni tipi di frutta e verdura, il caffè.

Calorie: circa 1.200/1400
Quanto si perde: 4-5 chili
Durata: un mese
A chi è adatta: a chi ha difficoltà a dimagrire con le diete tradizionali e ha bisogno di velocizzare il proprio metabolismo.

CHE COS’E’ IL METABOLISMO
II metabolismo è l’insieme dei processi chimico-fisici che trasformano il cibo in energia, necessaria per il funzionamento dell’organismo. Può essere considerato l’artefice del peso corporeo: se accelera si dimagrisce, se rallenta si ingrassa. E’ la ghiandola tiroide (situata nella parte inferiore del collo) a produrre gli ormoni che regolano l’intensità del metabolismo, cioè il modo e la velocità con cui l’organismo utilizza le sostanze assunte per produrre energia. Per questo di fronte a ingiustificati e significativi cambiamenti di peso bisognerebbe controllare la funzionalità con un semplice esame del sangue che si chiama dosaggio degli ormoni tiroidei. Il processo metabolico comprende due fasi opposte che si succedono e si sovrappongono continuamente: la fase anabolica durante la quale si formano sostanze complesse a partire da sostanze più semplici, per immagazzinare materiale di riserva energetico; la fase catabolica, che scinde i materiali di riserva in sostanze più semplici per produrre energia, eliminando gli scarti di questo processo attraverso i reni, l’intestino, la cute, i polmoni.

NORMALE ,VELOCE, LENTO
II metabolismo può essere suddiviso in tre categorie: normale o neutro, veloce, lento. Nel primo caso la persona non soffre di particolari disturbi, i suoi processi biochimici sono equilibrati, è normopeso; nel secondo caso, invece, le reazioni energetiche si svolgono troppo rapidamente: zuccheri e grassi vengono bruciati molto in fretta. E’ il caso delle persone eccessivamente magre e scattanti, spesso irrequiete e nervose. Chi ha il metabolismo lento, invece, brucia zuccheri e grassi più lentamente del normale, ha quindi qualche chilo di troppo, una certa tendenza al gonfiore, può avvertire sensazione di spossatezza nell’arco della giornata e presenta un ritmo cardiaco e respiratorio lento. Per avere un’ulteriore conferma di come funziona il proprio metabolismo ci si può sottoporre ad alcuni esami che si possono fare presso gli ospedali pubblici. Uno dí questi è il test che misura il metabolismo basale, cioè esprime la quantità di energia necessaria per far funzionare l’organismo a riposo (permettendogli quindi di respirare e di mantenere attive tutte le altre funzioni vitali). Chi ha un metabolismo veloce utilizzerà più energia anche o riposo, viceversa chi lo ha lento avrà valori inferiori a quelli considerati standard. E’ utile poi controllare la funzionalità degli ormoni tiroidei (T3 e T4) e surrenali (glicocorticoidi e cortisolo), che condizionano notevolmente il metabolismo. Anche in questo caso, se i valori sono più bassi rispetto a quelli considerati normali, il metabolismo e lento, viceversa è veloce.

RIDURRE TROPPO LE CALORIE NON SERVE

Spesso, quando ci si accorge che pur mangiando poco non si dimagrisce, si diminuiscono ulteriormente le calorie. Questa soluzione oltre a non essere sana non è nemmeno utile. Quando il corpo umano riceve poco cibo, infatti, reagisce come quello degli animali che vanno in letargo: rallenta i processi fisiologici e diminuisce i consumi calorici attraverso il rallentamento del metabolismo. Il che si verifica proprio quando si seguono diete drastiche, che forniscono soltanto 700-800 calorie al giorno e che finiscono per provocare un rallentamento metabolico anche del 20 per cento. Ecco perché eccessive restrizioni caloriche producono l’effetto opposto a quello che si vuole ottenere: si tende a ingrassare più facilmente. Per rendere attivo ed efficiente il metabolismo è anche importante il numero dei pasti consumati nella giornata: più questo è alto, maggiore è l’effetto acceleratore. E’stato osservato infatti che le calorie quotidiane divise in 4 o 5 pasti, anziché in 2 o 3, provochino un aumento del livello di combustione calorica e quindi di consumo di energia pari all’1-1,5%.

 

CIBI SI’ E CIBI NO
Per favorire l’attività di un metabolismo rallentato bisogna introdurre nell’organismo i cibi che possono facilitare lo svolgimento di queste reazioni chimiche, evitando quelli che invece lo ostacolano.

SI’
sì a frutta e verdura, che garantiscono un corretto apporto di sali minerai e vitamine. le vitamine in particolare sono molto utili nel favorire lo svolgimento dei processi metabolici. Sì alle proteine, contenute in carni, pesce e uova, alimenti che favoriscono il miglioramento del consumo di calorie da parte dell’organismo. Per questo molte diete dimagranti sono iperproteiche. Sì anche al caffè: si è visto che 5 tazzine al giorno accelerano i consumi calorici del 5%. Non bisogna, però, esagerare. Soprattutto chi è nervoso e iperteso non deve berne più di 1-2 tazzine al giorno.

NO
No ad alcune verdure della famiglia delle crucifere come cavoli, verze, broccoli e ravanelli, in alcune persone possono rallentare la funzione tiroidea e quindi il metabolismo. No ai grassi e agli zuccheri: i dolci, ricchi di zuccheri semplici, e gli alimenti grassi in genere, richiedono una digestione più lunga e laboriosa e possono interferire con le attività metaboliche. No alle bevande alcoliche e alle bibite dolcificate, ricche di calorie, che per essere smaltite rallentano il metabolismo.

IL PROGRAMMA

La dieta metabolica prevede circa 1.200/1400 calorie al giorno, va seguita per un mese e permette di eliminare fino a 4-5 chili. Per favorire il metabolismo è bene sforzarsi di mangiare a orari regolari; in particolare la cena non va consumata oltre le 21.00 (dopo una certa ora, infatti, le attività metaboliche sono più lente). I cibi vanno cotti alla griglia, al vapore, al forno a microonde e al cartoccio: il sapore rimane inalterato e non occorre aggiungere condimenti grassi. Per quanto riguarda i condimenti, sono previsti 3 cucchiaini d’olio extravergine d’oliva al giorno. Per insaporire i cibi si possono usare succo di limone, spezie e aromi a piacere. Bere almeno 2 litri di acqua oligominerale al giorno per eliminare le scorie prodotte dai processi metabolici. Non usare zucchero comune. Sostituirlo con fruttosio.

Per una Dieta Personalizzata potete contattarmi:

Andrea Caccamo
Personal trainer

Via Zurigo 17 6900 Lugano
+41(0)79 2701 364

http://www.personaltrainerlugano.com

 

La Dieta Primaverile

 

 

 

La primavera, si sa, è stagione di rinnovamento. E così anche il nostro organismo ha bisogno di depurarsi e ritrovare la giusta carica. Per questo motivo è opportuno cercare di eliminare dalla nostra dieta quei cibi che facilitano la produzione di sostanze tossiche e aumentare quelli che, al contrario, ne favoriscono l’eliminazione.

La maggior parte degli alimenti indicati nella dieta che vi propongo ha una funzione antiossidante: è cioè ricca di fattori protettivi che aiutano il sistema immunitario.

Dieci alimenti per depurare

Gli alimenti che non possono mancare nella nostra dieta depurativa sono (in ordine alfabetico):

  1. acqua: almeno 2 litri al giorno favoriscono l’eliminazione delle sostanze tossiche e idratano l’organismo.
  2. ananas: la sua azione diuretica è dovuta agli acidi organici in esso presenti. Combatte attivamente la ritenzione dei liquidi.
  3. asparagi: hanno solo 24 calorie per 100 g e un buon contenuto di fibra (2 g per 100 g) che aumenta il senso di sazietà e regola le funzioni intestinali. Gli asparagi sono anche validi alleati contro la ritenzione idrica poiché apportano un buon quantitativo di potassio (236 mg) e di saponine, sostanze naturali che determinano un’azione irritante a livello dell’epitelio renale con aumento della secrezione urinaria.
  4. frutti rossi: sono una miniera di antiossidanti che salvano le cellule dall’effetto dei radicali liberi; grazie a loro, nell’organismo entra in circolo una maggiore quantità di noradrenalina, sostanza che fa lavorare meglio e più in fretta le cellule adipose, e quindi ha un’azione dimagrante. Le more, i lamponi e i ribes sono ricchi di licopene e antocianine, pigmenti che facilitano il drenaggio dei liquidi e la circolazione vascolare. Per questo accelerano il sistema linfatico, la seconda via d’uscita delle scorie dopo l’intestino.
  5. prezzemolo: è ricco di vitamina C (che rinforza le nostre difese) e di vitamina A, contiene potassio e poco sodio e quindi è ottimo contro la ritenzione idrica. è fonte di apiolo, un olio essenziale che, oltre a donare profumo e sapore, svolge un’azione antibatterica.
  6. radicchio: ha proprietà depurative, diuretiche e lassative. L’effetto disintossicante gli è conferito da un gruppo di sostanze dalla spiccata azione stimolante sui succhi gastrici. In questo modo, vengono facilitate la digestione, la secrezione della bile, le funzioni urinarie e anche l’attività del fegato. Il radicchio verde, poi, è uno dei vegetali più ricchi di ferro (per rendere questo minerale più assimilabile basta irrorare con succo di limone: la vitamina C migliora la disponibilità del ferro).
  7. rucola: svolge un’azione stimolante e diuretica;
  8. tarassaco: a parte il basso contenuto calorico, questo tipo di cicoria contiene 316 mg di calcio e una grande quantità di vitamina A, ottimo alleata della nostra pelle.
  9. tè verde: oltre ad essere ricco di antiossidanti che ritardano l’invecchiamento cellulare, il tè verde è ricco di catechina, una sostanza che rende ancora più efficiente il lavoro del fegato.
  10. verdura varia: da consumarsi a volontà, poiché essendo ricca di acqua è l’alimento migliore per idratare e depurare l’organismo. Inoltre, la presenza di fibra è capace di ostacolare l’assorbimento di grassi e colesterolo .IMG_0388

Glutei da Spiaggia …….

Posso dire, senza sbagliare di troppo, che il 90% delle donne non ama le proprio gambe, chi le vede cicciotelle e senza forme, chi si vede i fianchi troppo larghi, chi con il sedere troppo grosso, chi con tanta cellulite, chi con le gambe troppo secche, chi con il sedere piatto ecc. ecc. ecc.

Veramente in poche si piacciono!…Non è forse così?

La colpa non è solo degli ormoni femminili, e troppo semplice dare la colpa agli ormoni e dire che non c’è nulla da fare!

è vero le donne partono svantaggiate, ma non per questo non possono rimediare e migliorare il loro aspetto estetico.

Alimentazione scorretta e allenamenti inesistenti chiudono il quadro e vi conducono allo stato attuale, motivo per cui avete iniziato a leggere quest’articolo.

Se al giorno d’oggi c’è molta più attenzione a quello che si mangia, è anche vero che la vita sempre più frenetica ci costringe ad abitudini scorrette, che si ripercuotono sul nostro fisico e con un maggior accumulo di grasso nei punti indesiderati.

Non parliamo dell’allenamento che è quello che manca più di tutto al gentil sesso, diciamo le cose come stanno…“non vi piace faticare con ciò che vi potrebbe far bene: i pesi!”

Lasciamo stare che i pesi ingrossano e vi fanno assumere sembianze mascoline…Non è così, e non voglio neanche perder tempo a cercar di convincervi del contrario! L’unica cosa che vi dico è che i pesi non possono altro che rendervi più toniche e creare quelle forme che tanto desiderate.

Ma visto che alle donne non piacciono i pesi e non piace faticare le cercano tutte per provare a raggiungere il loro obiettivo per altre strade.

Per questo al giorno d’oggi l’industria che tratta di bellezza femminile è in forte espansione.

Centinaia sono gli attrezzi INUTILI per il modellamento fisico che si vendono in TV o nei negozi sportivi, chi di voi non ne ha uno in cantina? Soldi sprecati, nessuno di questi attrezzi può far qualcosa per voi! Ripeto NESSUNO! Direi che di fregature e di persone pronte a ingannarvi ce sono sempre di più! Fate attenzione.

Attenti anche ai centri dimagranti, nulla possono fare per voi se non farvi perdere un po’ di acqua, ma che appena tornate a casa riacquistate bevendo! Eppure, quante si sono messe a pedalare facendo stupidi esercizietti in quelle stanze riscaldate a 50°! E qui soldi se ne buttano proprio parecchi, colpa di abili venditori, che pur di vendervi il pacchetto di trattamenti, non badano a nulla e utilizzano “sporchi” trucchetti psicologici, per convincervi ad acquistarli! State attenti anche in questo caso, potete sì perdere peso (tanta acqua, con il rischio di disidratarvi e compromettere la vostra salute) ma le forme che tanto desiderate non potranno darvele in nessun modo!

In tanti promettono miracoli, ma come vi ho accennato prima, nessuno mantiene la promessa! Tante sono le scorciatoie che al giorno d’oggi potete provare e tutte con lo stesso obiettivo: non di certo la vostra salute, a nessuno gliene può fregare qualcosa di voi, l’unica cosa a cui tengono veramente sono i soldi che potete sborsare! E una volta che li avete “sganciati”…beh forse la storia la sapete già…

L’allenamento serio e ben programmato è quello che fa per voi per migliorare le vostre forme, creando quel fisico armonioso e tonico che tanto desiderate.

Il programma che voglio impostarvi, prevede esercizi veri, che poco hanno a che vedere con pressa, abductor, adductor, gluteus machine, slanci e slancettini da terra che forse conoscete, ma che anche loro servono veramente a poco per modellare la vostre gambe e i vostri glutei.

Se la scheda per gli arti inferiori che il vostro Personal Trainer (presumo anche ben pagato) vi ha preparato è simile alla seguente:

– Pressa 3×15

– Abductor machine 3×15

– Adductor machine 3×15

– Gluteus machine 3×15

vi consiglio di valutare l’ipotesi di cambiarlo! Non è possibile che un professionista serio e ben qualificato, si riduca a darvi questi semplici esercizi senza impegnarsi a insegnarvi esercizi fondamentali, difficili tecnicamente e che tanto possono fare per il vostro fisico. Questi esercizi li potete fare tranquillamente da soli! Le macchine sono fatte apposta per cui le persone anche inesperte possano usarle senza farsi male!

Sono gli esercizi fondamentali, quelli che dovete imparare a fare per modellare il vostro corpo! Ma questi esercizi richiedono un buon maestro che vi insegni la gestualità corretta (esattamente come il maestro di sci insegna a sciare!). Se gli atleti scelgono questi esercizi liberi da macchine, forse più di un motivo ci sarà, no? Le macchine isotoniche sono quasi inutili nell’allenamento fisico, se non qualche attrezzo che in alcuni momenti può essere d’aiuto.

Quattro esercizi modelleranno le vostre cosce e i vostri glutei, e sono:

– Squat

– Affondi in avanzamento

– Stacchi gambe tese

– Step-up

Ci sono anche altri esercizi, ma questi bastano e avanzano per creare un allenamento veramente tosto. Non vi inserisco foto o video di questi esercizi, perché se non li conoscete è bene che vi li mostri io  la prima volta.  Sono esercizi difficili tecnicamente, che se eseguiti male non perdonano e che prevedono un primo periodo di adattamento per il miglioramento della tecnica. Dubitate di qualsiasi programma d’allenamento che promette di poter portarvi risultati in pochissimo tempo, minino per poter veder qualche risultato serio ci vuole almeno 12 settimane.

Vi aspetto presto per una consulenza presso ilmio Studio di Lugano in Via Lucchini 7.

Come eliminare la cellulite in modo naturale


Combattere ed eliminare la cellulite da glutei, cosce e gambe in poco tempo e con rimedi naturali. 

 
 
 
 

La cellulite è un problema che affligge 9 donne su 10.
E se il tuo problema dura da anni considera che non lo puoi risolvere in 2 o 3 settimane.

Eliminare la cellulite è quindi un processo più o meno lungo… ma possibile.
E se il tuo problema è anche economico usa questa guida per raggiungere il tuo obiettivo con metodi fai da te.

 

Per combattere la cellulite non esistono delle cure miracolose.
Esistono molte creme che contribuiscono significativamente a risolvere il problema ed esiste la chirurgia estetica che offre una soluzione permanente. Attenzione però, anche con la liposuzione la cellulite può riformarsi! Se lo stile di vita non cambia, anche la buccia d’arancia tenderà a essere sempre presente. 

 
 
 

Anche le donne più magre o che praticano sport si trovano a dover affrontare la questione cellulite. Tutto sta nel modo in cui la si affronta.
 
Per dare un taglio netto alla cellulite bisogna fare tanto sport. Questa è la prima regola in assoluto. Fare una bella visita sportiva e poi dedicarsi alla corsa, al nuoto, all’aerobica tutti i giorni. A causa della nostra vita sedentaria, tre volte alla settimana di attività sportiva è il minimo, ma chi vuole guadagnarsi delle gambe perfette, atletiche e leggere deve sottoporsi ad un allenamento specifico quotidiano.

Per un Programma Personalizzato e Realmente Efficace potete contattarmi al :

079 270 13 64

Sì, grazie a Special Diet® perdete fino a 5 chili di grasso !

Una buona dieta ipocalorica di provata efficacia per perdere peso è un vero toccasana per l’organismo. Ma, al contrario, se non sapete ciò che fate, se non avete delle solide informazioni e adottate una dieta scorretta, allora correte alla catastrofe certa !

Se è vero che a corto termine quasi tutte le diete draconiane fanno dimagrire, è anche vero che a lungo termine queste diete risultano inefficaci contro l’eccesso di peso, poichè le privazioni mettono l’organismo in stato di resistenza biologica. Il semplice ritorno alle abitudini provoca una ripresa e uno stoccaggio suplementare : l’effetto yo-yo è in marcia.

Ma allora, come fanno quelli che dimagriscono rapidamente ? E senza riprendere peso nei mesi che seguono ! Quale dieta per dimagrire rapidamente applicano per riuscire a perdere peso velocemente ?

Buone notizie. Se lo desiderate, potete iniziare a dimagrire subito e vedrete il perchè…
Finalmente avete qui un metodo sicuro per dimagrire rapidamente : si chiama Special  Diet ®, la prima dieta  tutto naturale a base di potenti combinazioni alimentari dimagranti. Questo potente mix di alimenti dimagranti associato al mio allenamento esclusivo, vi assicura di perdere 5 chili di grasso in 30 giorni !
Sì, grazie a Special Diet® perdete
fino a 5 chili di grasso !

Dimagrire rapidamente con Special  Diet ® significa
assicurarsi la migliore riuscita !
Quante persone non sanno più cosa fare per dimagrire. 

Quante persone hanno provato delle diete che non funzionano.
Non fate come queste persone !
Avete qui un metodo sicuro per dimagrire rapidamente. Infine LA SOLUZIONE  per dimagrire a volontà e raggiungere il vostro peso ideale !

Ideata da:

Andrea Caccamo
Personal trainer & Diet Coach
Club Manager co MC SPECIAL ONE SA
Via Lucchini 7 6900 Lugano
+41(0)79 2701 364

Allenamento al “femminile”, ecco come dimagrire

n questo articolo illustrerò in maniera precisa l’allenamento più utile per il pubblico femminile, che solitamente ricerca come obiettivi primari “la Tonificazione” e il “Dimagrimento”.
Le donne hanno, rispetto agli uomini, caratteristiche ormonali per cui la distribuzione del grasso, e anche della cellulite, è concentrata a livello trocanterico e degli arti inferiori in genere; le poche donne che hanno prevalentemente struttura “androide”, cioè con una maggiore distribuzione di grasso nella parte superiore del corpo, hanno maggiore facilità di dimagrimento in quella zona, poiché gli adipociti sono più facilmente predisposti a stoccare gli acidi grassi; cosa che purtroppo non accade a livello degli arti inferiori.
Ormai da molti anni, mi occupo di attività fisica rivolta al benessere e purtroppo continuo a vedere tante donne “ammazzarsi” di ore e ore di corsi “aerobici” e “spinning”, nell’intento di dimagrire e tonificarsi.
Non voglio assolutamente dire che tutto questo non serve a nulla, ma credo fermamente che l’attività ideale per la donna che desidera un corpo “migliore”, sia principalmente l’attività con sovraccarichi.
Si avete capito bene… sono a favore dell’utilizzo di carichi, anche di elevata entità, che permetta alla donna di stimolare il tessuto muscolare magro, aumentando in maniera significativa il metabolismo.
Ora, per questioni di praticità, suddividerò il corpo femminile in tre tipologie (ognuna di voi si rispecchierà più o meno in una di queste) e illustrerò l’allenamento per ottenere i migliori risultati.

Caso 1: donna con accumulo di grasso prevalente a livello degli arti superiori e a livello addominale, con gambe tendenzialmente magre senza significativi accumuli di grasso e/o cellulite.
In questo caso l’allenamento per la parte inferiore del corpo, proprio per le sue caratteristiche deve essere molto intenso, utilizzando esercizi multiarticolari (squat, pressa etc), con ripetizioni che vanno dalle 8 fino alle 15.
Proprio per le caratteristiche di questo gruppo, anche utilizzando carichi importanti ed esercizi ad alta sinergia, non si porrà il problema dell’aumento delle gambe in termini di circonferenza: assisteremo semplicemente ad un miglioramento fisiologico del tono muscolare.
Viceversa, un utilizzo costante di carichi molto bassi abbinati a ripetizioni “infinite”, non darà un buon risultato dal punto di vista del rassodamento.
La parte superiore del corpo, quella in cui vi è il maggior quantitativo di grasso, otterrà un grosso beneficio dall’utilizzo dei “CIRCUIT TRAINING”, in cui si alternano senza pausa esercizi con sovraccarico per la parte superiore del corpo e stazioni aerobiche (step/cyclette/tappeto).

 

Caso 2: il classico, quello in cui si può rispecchiare la maggior parte delle donne. Arti superiori tendenzialmente magri senza significativi accumuli di grasso, e arti inferiori con accumuli di grasso e cellulite, soprattutto a livello trocanterico.
Purtoppo è il problema più difficile da risolvere, poiché gli adipociti situati nella parte inferiore del corpo sono più portati ad accumulare il grasso che non a smaltirlo.

L’allenamento della parte superiore può tranquillamente assomigliare a quello “maschile”, quindi basarsi sull’utilizzo di carichi importanti e ripetizioni che vanno dalle 8 alle 15 .
Per la parte inferiore occorre invece calibrare molto bene il lavoro, onde evitare addirittura un peggioramento, cosa molto frequente se si utilizzano un’intensità ed un volume di lavoro troppo elevati.
Ottimi i circuit training aerobici, in cui si alternano le varie stazioni (step, cyclette, ellittica, tappeto), ma stando molto attenti a non innalzare troppo la frequenza cardiaca, per non creare uno stato di acidosi locale che peggiorerebbe i fenomeni infiammatori alla base della cellulite.
Oltre ai circuiti è consigliabile, proprio per stimolare il tessuto muscolare, utilizzare esercizi per le gambe che non superino le 5 ripetizioni, senza arrivare ad esaurimento. Questo  darà un buon stimolo dal punto di vista muscolare ma non vi sarà secrezione di acido lattico, che ricordiamo favorisce lo sviluppo della cellulite.
Caso 3: donna in cui vi è un accumulo abbastanza omogeneo del grasso corporeo, senza evidenti discrepanze fra parte superiore e parte inferiore del corpo.
In questo caso l’ideale è un lavoro misto, in cui si alternano giorni di allenamento con sovraccarichi e giorni in cui si dedica maggior spazio all’attività aerobica.
Oltre all’allenamento classico con le macchine e/o i pesi e l’attività aerobica, vorrei soffermarmi a parlare di due attività che spesso sono trascurate, ma che, se utilizzate con costanza, danno buoni risultati.
Sto parlando dello stretching e della ginnastica propriocettiva.
L’allungamento muscolare, soprattutto delle zone maggiormente affette da adiposità localizzata e cellulite, è importantissimo, perché una retrazione muscolare può peggiorare la situazione; quindi mantenere una buona elasticità a livello di tensore della fascia lata, glutei, retto femorale, ischiocrurali, sartorio, adduttori e gastrocnemio, può comunque migliorare l’aspetto estetico di questi punti.
La ginnastica propriocettiva è importante perché va a stimolare la pianta del piede, che come sappiamo, presenta la cosiddetta soletta di Lejer, che permette il reflusso del sangue dalla periferia al cuore.
Visto che spesso le donne soffrono di cattiva circolazione e di ritenzione idrica, la stimolazione del piede tramite ginnastica propriocettiva è un toccasana per chi soffre di gambe gonfie e accumuli adiposi.

 

Come fare per diminuire il grasso localizzato in alcuni punti del corpo.

Accumulo di grasso localizzato: come combatterlo

L’accumulo di grasso in determinati punti del corpo dipenderebbe da quantità di taluni ormoni non proprio ottimali.

Per poter usufruire di queste indicazioni dovete sottoporvi a una plicometria e vedere quali sono i due punti del corpo che segnano le pliche più alte. A quel punto potete cercare di combattere il grasso localizzato.

Qui c’è una serie di punti con gli ormoni annessi e gli integratori annessi.

Partiamo.

Tricipiti = estrogeni alti

x le donne: staccare la pillola anticoncezionale (se la usate) o provare con un altro tipo.

• Olio di lino alto in lignani: I lignani sono un tipo di fibre che possono rimuovere gli estrogeni in eccesso dal vostro corpo. Questo prodotto da in più i benefici degli omega 3.

Ombelicale = cortisolo alto, testosterone basso

Metodi di riduzione del cortisolo:

• Abbandonate il lavoro: Siete troppo stressati dal lavoro. Trovatevi un bell’hobby. Lo stress è il principale colpevole dell’aumento del cortisolo, è quindi tempo di rilassarvi e prendere qualche respiro.
• Sonno: Molte persone hanno bisogno di 7-9 ore di sonno ogni notte, non interrotte. Alzarsi per andare in bagno non è uan cosa negativa ma svegliarsi continuamente disturberà il processo.
• Eliminate i farmaci NSAIDS: Non solo hanno effetti negativi sul cortisolo, ma diminuiscono la sintesi proteica rendendo il tuo lavoro in palestra più arduo. Utilizzate gli oli di pesce per le loro proprietà antinfiammatorie e curate gli infortuni!
• Olio di pesce: Fa tutto. Prendetene. Tanto. Fatevi piacere il sapore.
• Aminoacidi ramificati (BCAA’s): Due modi per assumerli, prendete la vostra massa magra in kg e moltiplicate per 0.4, consumateli in forma liquida durante l’allenamento diluiti in acqua. Seconda opzione; consumate 5g di BCAA tra ogni pranzo in 450 m di acqua. Questo protocollo ha dimostrato di ridurre l’accumulo di grasso addominale durante una restrizione calorica mentre preservava la massa magra.
• Fosfatidilserina: Studi hanno dimostrato che 800mg/die possono sopprimere il cortisolo. Questo puo essere molto costoso, perciò lo consiglio solo a chi ha alti livelli di cortisolo.
• Curcumina
• 5-HTP: Prendetene 50 mg tra i pasti. Può causare un miglior umore e senso di benessere per chi è molto stressato. Deprime anche la voglia di carboidrati perchè aumenta la secrezione di serotonina, che può essere una cosa positiva quando si è a dieta.
• Yohimbina: Gli uomini hanno gli adronorecettori alfa 2 nella regione addominale, e la yohimbina orale e transdermica ha mostrato di essere diretta a questi recettori e potrebbe aiutare nel perdere grasso. Evitate questa sostanza se soffrite di pressione alta, altrimenti consumatene 3-8 mg dopo i pasti 3 volte al giorno.
• Eliminate il cardio: il cardio di lunga durata può causare un aumento del cortisolo, quindi utilizzare le sessioni brevi. Io generalmente raccomando un totale di 20 minuti, 2 o 3 volte a settimana massimo. Fate 30 secondi di sprint (al massimo che potete) seguita da 90 secondi di fase di recupero.
• Post Workout: Assicuratevi di utilizzare un post-WO subito alla fine del vostro allenamento. il Cortisolo è elevato dopo l’allenamento e una buona nutrizione è vitale per iniziare la fase di recupero. Prendete 250 mg di Vitamina C con 400 I.U. di vitamina E insieme a un buono shake post WO.

PER  UNA CONSULENZA  PERSONALIZZATA ED UN PROGRAMMA MIRATO POTETE CONTATTARMI :

Andrea Caccamo
Personal trainer & Diet Coach
Club Manager co MC SPECIAL ONE SA
Via Lucchini 7 6900 Lugano
+41(0)79 2701 364